a

Corso sul processo tributario – “La Tribuna” con Avv. Simone Ariatti

Grazie all'invito del collega Avv. Stefano Franchi, il corso ha la finalità di illustrare ai partecipanti (prevalentemente avvocati e commercialisti, quali patrocinatori ammessi davanti alle commissioni tributarie provinciali e regionali) le peculiarità delle fasi processuali di merito che caratterizzano il contenzioso tributario.In particolare, il programma – articolato in tre giornate – tratterà dapprima gli istituti c.d. deflativi, quali ad esempio il contradditorio preventivo in sede di accertamento con adesione, il reclamo e la mediazione tributaria, istituti volti, come noto, a prevenire ed a scongiurare il radicarsi del giudizio dinanzi alla commissione provinciale. Preclusioni ed effetti premiali, nonché modalità di determinazione...

Continue reading

Avvocato Ariatti e Studio Zunarelli per CONFETRA – Webinar: “TARI 2021”.

Il decreto legislativo 3 settembre 2020, n. 116 (in attuazione delle direttive Ue meglio note come “Pacchetto Economia Circolare”) ha apportato significative modifiche al Codice dell’Ambiente (d.lgs. n. 152/2006). Si segnalano, in particolare, la nuova definizione di rifiuti urbani entrata in vigore il 1° gennaio 2021 e la facoltà di uscita dal servizio pubblico con attivazione di procedure di smaltimento ed avvio al recupero "in proprio". Trattasi di aspetti destinatari ad impattare sia sull’organizzazione del servizio di gestione che sul gettito. Tuttavia, alle stratificate e complesse modifiche apportate in punto di classificazione (si v. l'art. 183, comma 1, lett. b-ter,...

Continue reading

Accessi, ispezioni e verifiche fiscali. Nullo l’accertamento emesso prima dei 60 giorni dal termine del controllo.

La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 5254 dello scorso febbraio, ha preso nuovamente posizione sul tema della nullità dell’avviso di accertamento conseguente ad attività di controllo sostanziale mediante accessi, ispezioni e verifiche svolte dalla Guardia di Finanza presso l'attività del contribuente. A tal proposito rilevano le garanzie di cui all'art. 12, comma 7, dello Statuto dei Diritti del Contribuente che, come noto, prevede espressamente che "tra la data di ricevimento dei chiarimenti ovvero di inutile decorso del termine assegnato al contribuente per rispondere alla richiesta e quella di decadenza dell'amministrazione dal potere di notificazione dell'atto impositivo intercorrono non meno...

Continue reading

I BONUS ACCESSIBILI PER RIQUALIFICARE GLI IMMOBILI DI IMPRESE E PARTITE IVA

Come noto, uno degli strumenti principali cui il Governo italiano ha ritenuto di ricorrere per incentivare il rilancio dell’economia italiana nell’era “post-Covid19” è costituito da bonus nella forma di crediti d’imposta destinati alla promozione della riqualificazione degli edifici. In effetti, non si tratta di uno strumento del tutto nuovo in quanto lo ritroviamo nei suoi elementi essenziali già nel Testo Unico delle imposte sui redditi (art. 16bis del DPR 22 dicembre 1986 n. 917) a seguito delle modifiche introdotte con la L. 27 dicembre 1997 n. 449 e, successivamente, nella Legge finanziaria 2007 (L. 27 dicembre 2006 n. 296, art. 1,...

Continue reading

Col Decreto “Ristori quater” ulteriori disposizioni in materia di rateazione e di definizioni agevolate (rottamazione e saldo e stralcio). Riparte però la riscossione.

Con la pubblicazione del c.d. ”Decreto Ristori-quater” (DL n. 157/2020) - recante “Ulteriori misure urgenti connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19” – si è nuovamente intervenuti in materia di riscossione per consentire ai contribuenti una maggiore flessibilità nei pagamenti in ragione del protrarsi dell’emergenza sanitaria da Covid-19. In particolare, per quel che concerne le procedure di rottamazione e "saldo e stralcio", il termine ultimo per il pagamento delle rate 2020 è differito al 1° marzo 2021 (precedentemente fissato al 10 dicembre 2020). Il pagamento entro questo nuovo termine di scadenza non prevede però i cinque giorni di tolleranza di cui all’articolo 3,...

Continue reading

La sostanza prevale sulla forma per l’esercizio del diritto alla detrazione dell’IVA.

La Corte di Cassazione è intervenuta nuovamente sul tema - di grande attualità - concernente il disconoscimento del diritto alla detrazione dell’IVA da parte dell’amministrazione finanziaria ogni qualvolta si verifichino violazioni di natura formale, o lacune sul versante dichiarativo.Per il principio della prevalenza della sostanza sulla forma è, invero, consentito - al contribuente - dimostrare il rispetto di tutti i requisiti sostanziali sottesi alle operazioni contestate, attraverso la produzione delle fatture e di ogni altro tipo di documentazione contabile che possa superare le violazioni di tipo formale, quali, ad esempio, la corretta tenuta dei registri IVA o l’omessa presentazione della...

Continue reading

Invito al contraddittorio per l’avvio del procedimento di accertamento con adesione. Obbligatorietà dal 1° luglio 2020.

L’art. 4-octies, comma 1, lett. b) – inserito dalla Legge 28 giugno 2019, n. 58 di conversione del D.L. 30 aprile 2019, n. 34 (c.d. Decreto crescita 2019) – prevede che, dal 1° luglio 2020, gli uffici dell’Agenzia delle Entrate debbano invitare al contraddittorio il contribuente prima dell’emissione degli avvisi di accertamento riguardanti, in particolare, le imposte sui redditi, l’Irap e l’Iva. I primi chiarimenti sono stati forniti a mezzo circolare n. 17/E del 22 giugno 2020, con la quale sono stati meglio precisati ambito di applicazione, casi di esclusione, garanzie e preclusioni.Il confronto anticipato con l’ufficio, nonché la previsione...

Continue reading

Sospensione delle attività di riscossione. Differimento al 31 dicembre 2020.

Il Decreto Legge n. 129/2020 recante “Disposizioni urgenti in materia di riscossione esattoriale” e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 260 del 20 ottobre 2020, ha differito al 31 dicembre 2020 il termine “finale” di sospensione dell’attività di riscossione precedentemente fissato al 15 ottobre 2020 dal c.d. “Decreto Agosto”.Una buona notizia per i contribuenti, che, diversamente, avrebbero potuto ricevere – nonostante il periodo di emergenza sanitaria e le inevitabili criticità economiche conseguenti alle nuove e rigorose restrizioni imposti dai recenti DPCM – misure cautelari ed atti esecutivi di riscossione forzosa come pignoramenti, fermi auto ed iscrizione ipotecarie. E invece, le misure...

Continue reading

Responsabilità penale colposa per morte o lesioni in ambito medico. Un tema di attualità.

Come noto, la Legge 8 marzo 2017, n. 24 (cd. legge “Gelli-Bianco”) ha introdotto nel codice penale l’art. 590 sexies avente ad oggetto la nuova disciplina della responsabilità penale colposa per morte o lesioni in ambito medico. Il principale elemento di novità introdotto nell’ordinamento da quest’articolo è una causa di esclusione della punibilità del sanitario “qualora l’evento si sia verificato a causa di imperizia” e il predetto abbia “rispettato le raccomandazioni previste dalle linee guida come definite e pubblicate ai sensi di legge ovvero, in mancanza di queste, le buone pratiche clinico-assistenziali, sempre che le raccomandazioni previste dalle predette linee guida...

Continue reading

Anche il venditore, nella compravendita immobiliare, risponde per rovina e gravi difetti ex art. 1669 c.c.

Questo è quanto viene rappresentato in una pronuncia della Suprema Corte di Cassazione n. 18891 del 28/07/2017, nella quale viene affermata la responsabilità del venditore ex art. 1669 c.c. nel caso in cui, prima della vendita, abbia fatto eseguire, sotto la propria direzione e controllo, lavori di ristrutturazione e/o interventi manutentivi che hanno provocato dei danni all'immobile compravenduto. In particolare, i Giudici di Legittimità hanno richiamato l'orientamento secondo cui l'azione di responsabilità per rovina e difetti di cose immobili, prevista tra le norme in materia di appalto, potrà essere esercitata non solo dal committente contro l'appaltatore, ma anche dall'acquirente nei confronti del venditore che abbia esercitato un...

Continue reading